Giovedì 16 gennaio 2014 alle ore 17.30 presso la Società Letteraria di Verona (Piazzetta Scalette Rubiani 1) si terrà la presentazione del volume  “Paolo Veronese” di Alessandra Zamperini edito da Arsenale Editrice. Interverranno all’incontro: Daniela Brunelli (Presidente della Società Letteraria di Verona), Loredana Olivato (Università degli Studi di Verona), Paola Marini (Direttrice Musei Civici e Monumenti di Verona), Bernard Aikema, (Università degli Studi di Verona).

“Paolo Veronese” è un volume monografico corredato di un importante apparato fotografico e dedicato al grande pittore cinquecentesco, del quale ripercorre sia la biografia, sia la carriera artistica. Nato a Verona, dove compie il suo primo apprendistato, Paolo dimostrerà ben presto delle doti straordinarie che lo faranno ben volere nella capitale, a Venezia, dove una prestigiosa rete di amicizie e protezioni gli consentirà di lavorare per alcuni dei più autorevoli committenti pubblici e privati. Tuttavia, accanto alle innegabili qualità formali e tecniche, Paolo Veronese rivela una cultura non meno rilevante, che gli consente di interpretare con invenzioni originali i temi richiesti dai suoi committenti. Che si tratti di argomenti sacri o di soggetti profani, ricorrendo a dettagli all’apparenza privi di importanza, il pittore riesce invece a evocare un mito, a riecheggiare un testo letterario o biblico, a trasformare un dettaglio archeologico in un richiamo simbolico. In altri termini, merito di Paolo è quello di esser riuscito a comunicare i valori del suo tempo apparentemente senza sforzi, in realtà svelando che questa “facilità” è una meravigliosa sintesi fra talento, studio e cultura.

Alessandra Zamperini: ricercatrice di Storia dell’Arte Moderna presso l’Università di Verona, dove tiene l’insegnamento di Storia dell’Arte Veneta, si occupa principalmente di iconografia e committenza nell’arte veneta dal Quattro al Seicento. Tra le sue pubblicazioni, Le grottesche. Il sogno della pittura nella decorazione parietale (2007); Élites e committenza a Verona. Il recupero dell’antico e la lezione di Mantegna (2010); In competizione con l’antico e la natura: il ritratto a Verona tra Quattro e Cinquecento, nel volume Il ritratto e l’élite. Il volto del potere a Verona dal XV al XVIII secolo (2012); Stucchi. Capolavori sconosciuti della storia dell’arte (2012).

L’incontro sarà trasmesso in diretta  audio-streaming: http://www.societaletteraria.it/

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *